Bonus Giovani Prima Casa

La legge di Bilancio 2022 proroga per tutto l’anno corrente il Bonus Giovani Prima Casa, ovvero l’agevolazione riconosciuta ai giovani che acquistano casa ed hanno meno di 36 anni.


Chi può chiederlo? Quali sono i requisiti per ottenerlo? Vediamolo insieme!


Che cos’è il Bonus Giovani Prima Casa?

È un provvedimento teso a sostenere l’acquisto della prima casa ai giovani, introdotto con il decreto sostegni bis, viene prorogato di ulteriori sei mesi, quindi non terminerà a Giugno 2022, ma sarà valido fino al 31 Dicembre 2022.

Sono stati stanziati oltre 240 milioni di euro per favorire giovani con un’età inferiore ai 36 anni per l’acquisto della prima casa... andiamo a vedere quali sono i vantaggi!


Quali sono i vantaggi?

Il primo aspetto è relativo al risparmio delle imposte dovute all’atto di compravendita per l’acquisto dell’abitazione principale, differenziando l’acquisto da privati, che vede scontate le stesse, dall’acquisto in iva il quale viene riconosciuto quale credito d’imposta; inoltre l’atto non sarà soggetto ad imposta di bollo.


Ma non è solo l’atto di compravendita ad essere agevolato, infatti lo Stato copre a garanzia l’80% del mutuo concesso a tassi agevolati a condizione che l’importo non sia superiore ai € 250.000,00 e sullo stesso non è applicata l’imposta sostitutiva dello 0,25%.


Quali sono i requisiti necessari?

Non devi aver compiuto 36 anni nell’anno in cui firmi l’atto, inoltre devi avere un ISEE inferiore ai € 40.000,00, se compri in due ed uno dei due lo supera, avrai diritto all’agevolazione solo per la parte di chi non eccede il limite, tale agevolazione è prevista solo per l’acquisto prima casa con le regole valevoli secondo le disposizioni di legge, ovvero:


- stabilire la residenza, entro il termine di 18 mesi dall’atto di acquisto, nel Comune in cui si trova l’immobile agevolato;


- dichiarare nell’atto di compravendita di non essere titolare, nemmeno in comunione dei beni, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su altra casa, nel territorio del Comune in cui è situato l’immobile da acquistare a condizioni agevolate;


- dichiarare nell’atto di acquisto di non essere titolare, neppure per quote, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione nonché di nuda proprietà, su un immobile acquistato con agevolazioni fiscali prima casa (anche dal coniuge). Diversamente il suddetto immobile dovrà essere venduto entro un anno dalla data del nuovo atto di acquisto.


In caso di mancanza di quanto sopra non potrai usufruire delle agevolazioni.


Quali caratteristiche deve avere l'immobile?

Ovviamente l’immobile non deve ricadere nelle categorie considerate di lusso, ovvero A1, A8, A9, e deve essere compreso dalle categorie A2 – A7 (abitazioni civili, abitazioni di tipo economico, abitazioni popolari, abitazioni ultra popolari, abitazioni rurali, villini), e nello stesso sono ricomprese fino a tre pertinenze una per categoria C6, C7, C2 (garages, tettoia, cantina).

71 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti